Aperitivo con l’olio extravergine, quando il produttore incontra il consumatore

0
2220

E’ sempre bello quando si ha la possibilità di conoscere di persona chi produce ottime materie prime, perchè così si può scoprire la passione, la dedizione, il sacrificio e l’amore che quella persona mette nei suoi prodotti e che quindi li rendono ancor più speciali.

Quindi è stata davvero una gioia per me poter partecipare alla serata organizzata da Piero Palanti di Extravoglio (ve ne avevo già parlato qui  dei suoi corsi e serarte di introduzione al mondo dell’olio extravergine di oliva) nella spendida cornice di Incontri in Cucina, insieme ad Alessandra Paolini dell’Agricola Doria, produttrice di diverse varietà di Olio Extravergine di Oliva meravigliose, qui l’elenco

Avevo avuto già modo di degustare e innamorarmi dell’olio dell’Agricola Doria nello specifico della varietà Grossa di Cassano, e questa volta all’assaggio ci sono state persentate anche altre varietà tutte ottime e tutte diverse nei profumi e nei sapori.

Come dicevo è stato bello conoscere Alessandra perchè nel suo modo di fare e di parlare del suo lavoro e del suo olio extravergine si apprezza ancora di più il prodotto finale, che guarda alla qualità e non alla quantità, pensando alla cura perfino del confezionamento con bottiglie in latta in modo che l’olio venga correttamente preservato da aria e luce, studiando perfino le etichette per dare un senso anche ai colori che identificano i “profumi”

Ringrazio quindi Piero per avermi dato la possibilità di conoscere questo olio e Alessandra per la sua passione.

Non sono un assaggiatore di olio esperto ma vi posso dire che la Grossa di Cassano è un olio spettacolare, un fruttato intenso pieno di profumi e sapori, pomodoro, basilico, origano.. anche gli altri olii presentati sono fantastici e in particolare ho apprezzato moltissimo la Carolea con il suo sapore molto delicato, in pratica l’opposto della Grossa.. con questi due olii in cucina già l’utilizzatore medio potrebbe essere “a posto” in termini di abbinamento con le pietanze, ma ora che sto scoprendo che ogni olio è diverso e che ogni piatto chiama un olio diverso in modo da esaltarne profumi e sapori, vorrei averli tutti.. il mio sogno sarebbe avere una dispensa con una trentina di olii diversi 😀

Anche nella serata abbiamo provato ad associare i vari olii a diversi ingredienti come panzanella, fagioli e cipolla, ceci etc in modo da capire che alcuni olii per quanto fossero ottimi andavano a coprire o “modificare” i sapori di alcuni piatti e quindi era necessario usarne una varietà diversa… ad esempio sui fagili e cipolla perfetto l’abbinamento con la Grossa di Cassano che sposava perfettamente il sapore forte della cipolla, ma sui ceci era meglio usare la Carolea molto più delicata.

Insomma è stata una bellissima serata, anche perchè poi si è pouto anquistare l’olio ad un ottimo prezzo, e spero che presto altri produttori di Olio Extravergine di Qualità vogliano replicare per far conoscere e assaggiare i loro prodotti!

A conclusione della serata, quando quasi tutti erano andati via, è scattato poi il momento carbonara 🙂 Il sottoscritto ha preparato la “Carbonara” che gli altri hanno definito “Matematica” visto che ad un certo punto mi sono messo a fare i conti con la calcolatrice per le dosi precise, con la preziosa collaborazione dell’amico Roberto di Un Rafano sul Divano 🙂

Foto di Simone Maviglia: