sabato, Maggio 15, 2021
Home Tags Recensioni

Tag: Recensioni

TED: il primo Burger & Lobster in Italia apre a Roma!

20150916_232953

Lo scorso 16 Settembre sono stato invitato a prendere parte ad una serata riservata ai blogger per l’apertura di un nuovo locale nel quartiere Prati di Roma, a pochissimi passi dalla zona del Vaticano.

Il locale si chiama TED Burger & Lobster e il nome dice già tutto: si tratta di un locale giovane ma dall’atmosfera curata e ricercata, che punta sulla cucina ispirata all’east coast americana, riproponendola in chiave “originale” e non stravolta (come in molti fanno, purtroppo), puntando principalmente su Astici, Aragoste, Gamberi e Hamburger ma senza dimenticare Tacos, Sandwiches e l’immancabile Cesar Salad. Non resterete delusi neanche dai dolci e non manca ovviamente una attenta selezione per la parte “drink & beverages” con proposte che vanno dai vini ai cocktails, con alcune originali proposte del locale come lo spritz “rivisitato” in chiave TED, davvero ottimo.

Ho trascorso davvero una piacevole serata accompagnata da piatti davvero sfiziosi e simpatici (in versione finger ovviamente altrimenti non sarebbe stato possibile assaggiare tutto) realizzati con cura e con ingredienti di qualità, con un perfetto equilibrio di sapori. Il tutto in un ambiente confortevole con un servizio sempre sorridente, veloce e disponibile.

Che sia quindi per un aperitivo o per una cena o per un dopo cena, se siete li vicino o capitate in quella zona, vi consiglio vivamente di provarlo! Ma non scartate neanche l’idea di fargli visita anche venendo da più lontano, perchè vi garantisco che non ve ne pentirete!

I prezzi sono assolutamente onesti considerando qualità offerta, tipologia del locale e posizione. Un Burger con di 180gr di carne Black Angus, costa solo 9€. Un Astice intero 24€ e un lobster roll con patatine fritte e insalata 18€.

Vi lascio a qualche scatto della serata e al comunicato stampa ufficiale.

Vi ricordo che TED Burger & Lobster aprirà al pubblico il 19 Settembre e per seguire tutti gli aggiornamenti potete visitare la loro PAGINA FACEBOOK

TED Burger & Lobster
Aperto tutti i giorni, alle 12.00 alle 2.00
Via Terenzio 14, 00193 Roma
info@tedburgerlobster.it
www.tedburgerlobster.it
Tel. 0694517168

 

COMUNICATO STAMPA

SABATO 19 SETTEMBRE, IN VIA TERENZIO 14 

APRE TED, IL PRIMO BURGER & LOBSTER IN ITALIA

 Astice, burger, bollicine e cocktail:

a Roma, nel quartiere Prati, il locale internazionale che mancava

Il 19 settembre apre TED, il primo locale Burger & Lobster in Italia. Un format originale, che non trova pari in città. Un luogo dal respiro internazionale che, nel cuore dell’elegante quartiere Prati, coniuga il piacere del buon cibo a un mood dal deciso carattere socializzante.

Prendendo ispirazione dalla tradizione della East Coast americana, punta di diamante della proposta gastronomica di TED è il re dei crostacei: l’astice. Lobster che quotidianamente arrivano in cucina per essere poi serviti – accompagnati da deliziosi contorni e da salsine rigorosamente home made – alla griglia o bolliti, in sfiziose insalate e in golosissimi roll, disegnati e sfornati dai migliori forni di Roma in esclusiva per TED. Altro piatto forte della casa sono i succulenti burger di carne bovina Black Angus, semplicemente il top in fatto di qualità e gusto. Mexican tacos, uova alla Benedict, ceviche, Club sandwich, Caesar salad, piatti a base di tonno, gamberi o salmone, proposte vegetariane, fino ad arrivare ai dessert, completano il quadro di un’offerta variegata, gourmet e allo stesso tempo divertente, frutto anche del lavoro svolto dalla Laurenzi Consulting, agenzia leader nel campo della consulenza enogastronomica.

“Filo conduttore del locale – dichiara Stefano Aprile, General Manager di TED – vuole essere proprio questo contrasto: cibo di qualità proposto in maniera smart in un’atmosfera al contempo elegante e spensierata, capace di accogliere tanto un pranzo di lavoro quanto un aperitivo tra amici. Vogliamo in sostanza rompere gli schemi, servendo astice e champagne in un ambiente friendly e con una clientela trasversale.”

A contraddistinguere ulteriormente TED c’è sicuramente il fronte beverage, con due punti fermi:bollicine e cocktail. Accanto infatti ad un’accurata selezione di birre artigianali – alla spina e in bottiglia – e di vini bianchi e rossi fermi, c’è la possibilità di degustare, anche al calice, alcune delle migliori etichette della produzione spumantistica nazionale ed estera, champagne su tutti, abbinamento perfetto con il lobster. A proposito di abbinamenti, non saranno da meno quelli che vedranno protagonisti i cocktail, dai grandi classici, anche vintage rivisitati, a quelli appositamente studiati per TED dai barman professionisti che animano il grande bancone di legno ricoperto di ottone al centro del locale.Barman che sapranno consigliare ed accontentare anche i meno esperti del bere miscelato. Come in cucina, anche dietro al banco c’è una cura e un’attenzione maniacale per gli ingredienti, a partire dalla frutta fresca e dagli sciroppi, tutti fatti in casa. Last but not least, i distillati, con una bottigliera che vanta ben 100 etichette top level.

“TED ha un’anima internazionale e cosmopolita che ben si addice a una capitale come Roma – afferma Stefano AprileL’ampia e variegata proposta food&beverage, la cucina sempre aperta dalle ore 12.00 a tarda notte, la possibilità di venire qui anche solo per un drink, l’abbinamento cibo-cocktail, sono tutti connotati che danno al locale uno stile unico, tale da far sentire chi varca la soglia di TED come a Soho o a Manhattan, trovandosi però nel cuore di quella che è una delle città più belle del mondo.”

La Vie En Rose

Sabato 26 Ottobre, a Roma, ho avuto l’onore di poter partecipare a questo meraviglioso evento curato da Matteo Piras di Boulangerie MP, una bellissima bottega dedicata al pane e ai lievitati vicino piazza navona, andate a farci un giro se potete….

L’evento è stato ideato e curato nella comunicazione e organizzazione dalla bravissima Giulia Murdocca .

La Vie En Rose è stato un piacevole viaggio alla scoperta di sapori gourmet e fantastiche proposte culinarie.

La serata si è svolta nel locale Peak Book, gestito sempre da Matteo Piras, in Via Arco Dei Banchi 3A, proprio a pochi metri da Castel Sant’Angelo, in un vicolo bellissimo e suggestivo, e che è in corso di grandi cambiamenti e che presto sarà di sicuro un punto di riferimento per i palati più raffinati di Roma.

Alla serata hanno partecipato diversi chef , ognuno con le proprie proposte…

Arcangelo Dandini, del ristorante L’arcangelo, ha proposto il suo ormai mitico Supplì che, come al solito è andato a ruba.

Andrea Dolciotti, del ristorante Inopia, ha proposoto un fantastico e gustosissimo passatello di castagne con brodo di patate arrosto e stracciatella d’uovo.

Hyejin Kim, ha proposto diversi preparazione dai sapori orientiali, ottimo il manzo saltato!

Matteo Piras invece ci ha deliziato con le sue fantastiche baguette, un pane alle spezie e una fantastica focaccia.

Ottime anche le proposte di pesce dello chef Marco Morello.

La serata si è conclusa con una fantastica torta al cioccolato preparata proprio da Giulia, fantastica, che si scioglieva lettaralmente in bocca, e con la torta di Andrea De Bellis.

Durante la serata inoltre abbiamo potuto assistere a due seminari uno sui Macarons di Adriano Altorio (macaron.it) e l’altro sul mondo delle spezie grazie a Emporio delle Spezie.

Insomma davvero una bella serata organizzata da Giulia, insieme a tanti amici vecchi e nuovi, che è sempre piacevole reincontrare specialmente in un ambiente così particolare fatto di profumi, sapori e proposte per palati sopraffini.

De Rerum Pasta: forme, consistenze e incontri inediti


E’ noto a tutti che alcune delle preparazioni o delle ricette che oggi usiamo senza neanche pensare alla loro storia, sono nate per caso e spesso per veri e propri errori. A volte in realtà queste storie si perdono più nella leggenda che nella realtà, ma non è questo il caso di cui voglio parlarvi: qui si tratta di un errore vero e proprio, ben documentato, ma la fantasia e l’estro di un uomo hanno saputo trasformare quell’errore in un successo. Quest’uomo è Daniele Capozzi, creatore e titolare di Zalla, il famoso negozio (a me piace chiamarla più ’boutique’) di specialità emiliane a Roma.

Ho ricevuto l’invito a partecipare ad una serata tutta sulla pasta, quella all’uovo emiliana, organizzata da Fuddenuain e Maple. Ci ha accolto nella splendida cornice del MapleLab il “padrone di casa” Alessandro Nasini, in una splendida e calda serata di fine settembre.

Confesso che conoscevo per fama sia Daniele sia Zalla ma siccome non è proprio dietro casa, non ci ero mai stato. Daniele ha subito confessato che lui non si definisce ne chef, ne cuoco, ma solo un “apriscatole” (la simpatia e il modo di fare degli emiliani e in particolare di bolognesi è fenomale, io li definisco i “napoletani del nord”) ovvero un imprenditore che sceglie le eccellenze della sua terra e le diffonde a Roma. Ma anche solo per scegliere, selezionare, provare e capire ci vuole arte e perizia.

Abbiamo iniziato subito l’aperitivo con delle streghette allo strutto che erano una vera e propria droga, non ne avevi mai abbastanza, delicatissime e per nulla pesanti accompagnati da ottimi vini Offida Pecorino DOCG e Prato Grande Marche Chardonnay IGT, della Tenuta De Angelis.

Poi è arrivata lei, la regina indiscussa, la Lasagna!

Dieci strati di sfoglia (si avete letto bene, dieci!) che si scioglievano letteralmente in bocca. Dico sinceramente che non ho mai mangiato una sfoglia così buona! La sfoglia era leggermente verde per la presenza di una infinitesimale quantità di spinaci nell’impasto perchè, ci ha spiegato Daniele, l’impasto per la sfoglia delle lasagne ha bisogno di tempi e modi di asciugatura diversi da quello ad esempio dei tortelli e quindi le sfogline per distinguerlo lo colorano con gli spinaci. Arte e tradizione allo stato puro.

E’ quindi arrivato il turno di una pasta “inventata” da Alessandro Nasini su ispirazione dei lavori dell’amica Roberta Castiglione, una pasta Crochet: un bucatino di pasta all’uovo tessuto ed intrecciato a formare una sorta di gomitolo pronto a raccogliere tutti i sapori, in questo caso un meraviglioso e profumatissimo sugo di erba cipollina, basilico e peperoncino.

Ormai inebriati dai sapori di quanto assaggiato finora, arriva il momento del Passatello, altra tipicità bolognese. Dopo le bellissime spiegazioni sulla storia ma sopratutto sulla sua lavorazione resa complicata dall’asciugatora che deve essere diversa a seconda di quanto tempo dopo verà cotto (quindi immaginate la complessità di trovare il punto giusto di asciugatura per farlo a bologna e poi doverlo trasportare a Roma), Daniele ce lo ha preparato in modo classico o meglio dire nell’unico modo possibile: in brodo. Non è certo un piatto di fine estate, ma il suo sapore ricco e inconfondibile, con le note di Grana Padano e noce moscata, ti fanno dimenticare stagione e temperatura, un vero capolavoro, cotto alla perfezione per non diventare troppo morbido, lo abbiamo assaggiato anche crudo ed è una vera esplosione di profumi e sapori.

Ed eccoci al protagonista della serata, ovvero il Passatello Sbagliato. Come ci ha spiegato Daniele qui lo sbaglio sta nel formato. Gli ingredienti sono gli stessi del passatello tradizionale ma in questo caso, per un errore, le sfogline si sono ritrovate con un impasto molto più duro, che non poteva passare attraverso la “macchina” che da forma al passatello. Ecco quindi l’idea geniale: non buttare l’impasto ma perfezionarlo e farne degli gnocchetti. Ovviamente anche in questo caso la cottura in brodo è assolutamente un connubio perfetto, ma vuoi per la forma e per la diversa consistenza, il passatello sbagliato si adatta ad essere usato in piatti completamente diversi dal tradizionale: pesce, carne, verdure.

In questo caso è stato preparato da Alessandro in un meraviglioso sugo a base di peperoni e zucchine, ma vi dico subito che assagiandolo subito i miei neuroni si sono messi in moto e secondo me un passatello sbagliato alla “cacio e pepe” sarebbe perfetto e proverò a farlo il prima possibile!

Insomma è stata una bellissima serata all’insegna della pasta fresca all’uovo, della tradizione emiliana ma anche all’insegna della fantasia che tutti, imprenditori, chef e appassionati, dovrebbero usare in cucina. La sfida è lanciata, chi la saprà raccogliere?

Mi raccomando, andate a trovare Daniele nel suo negozio dove potrete trovare tutti questi prodotti che meritano assolutamente di essere provati! Inoltre troverete anche le meravigliose Raviole con Confettura di Visciole che ci hanno riaccompagnato a casa e che sono davvero un vero e proprio “food-porn”.

Trovate ZALLA a Roma, in Via Ignazio Giorgi 47
Telefono 06-64.81.01.15
Info@zalla.it
http://www.zalla.it/
Oppure qui la pagina Facebook

1000foglie by night alla Pasticceria De Bellis

Ieri sera ho avuto il piacere di partecipare all’evento 1000foglie by Night alla Pasticceria De Bellis, con l’organizzazione di Food Confidential

“Considero la pasticceria una materia viva e in continuo movimento, una professione che mi permette di coniugare l’atto creativo con l’estetica moderna”

Queste sono le parole di Andrea De Bellis, classe 1979. Ha studiato numerosi anni in Italia e all’estero con maestri del calibro di Ferran Adrià, Paco Torreblanca e i fratelli Roca. Nel 2011 ha avviato a Roma un laboratorio di pasticceria e lo scorso marzo ha aperto, insieme al fratello Marco, la Pasticceria De Bellis.

Conoscevo già il nome di Andrea De Bellis ma non avevo mai avuto occasione di mangiare qualcosa di suo, quindi quale migliore occasione visto anche che si parlava di mille foglie, uno dei miei dolci preferiti e sul quale sono più critico?



La Pasticceria De Bellis si trova a due passi da Campo Dei Fiori, nel cuore della Roma antica, immersa tra piccoli vicoli e palazzi antichissimi, che ti sembra da un momento all’altro di veder sbucare il Marchese Del Grillo

E’ un locale piccolissimo, entrando la fanno da padrone i banconi/vetrine in cui sono esposti dei fantastici dolci monoporzione da poter comprare e mangiare subito, o da poter portare a casa.

Lo spazio è semplice, minimale ma ben curato. Le luci sono posizionate nel modo giusto e creano quasi l’atmosfera che si può respirare in una gioielleria. Sulla sinistra c’è un piccolo spazio con qualche posto a sedere ma non ci vanno più di 10 persone.

La proposta innovativa della Pasticceria De Bellis è quella del 1000 foglie BAR : poter gustare una millefoglie preparata al momento davanti al cliente, più pasticceria fresca di così!

Per la serata era prevista la possibilità di gustare ben nove versioni dolci preparate direttamente da Andrea De Bellis e tre versioni salate preparate da Andrea Dolciotti, chef del ristorante Inopia, che ha preparato anche un meraviglioso, freschissimo e dissetante cocktail a base di cetriolo, fiori di sambuco e limone.

Quando sono arrivato alle 22:00 c’era già molta gente: curiosi, foodblogger, stampa.

Vista la fame mi sono subito precipitato all’assaggio visto che, in occasione della serata, veniva praticato un prezzo speciale di 3,00€ a porzione invece che 4,50€.

Ho voluto cominciare subito dal dolce, e cominciando dalla versione classica, vero metro di paragone per ogni amante del millefoglie perchè permette di apprezzare molto bene il millefoglie stesso senza farciture “complesse” dal punto di vista del gusto.

 

All’assaggio il millefoglie si presentava con un tripudio di sensazioni e sapori: croccante al punto giusto, non aveva nessun retrogusto eccessivo di burro, la dolcezza era perfettamente calibrata con la caramellatura dello strato superiore, sembrava quasi di poter assaporare ogni singola sfoglia e non sono riuscito a contarne quante ce ne erano in quasi 2cm di millefoglie.

La crema pasticciera era molto delicata e bilanciata, personalmente avrei preferito un sapore un pò più deciso, ma nel complesso era davvero ben abbinata al sapore del millefoglie sposandosi alla perfezione.

Passo subito all’assaggio della seconda versione : Nocciola al cubo.
Se è vero che adoro il millefogile, forse adoro ancora di più la nocciola, che al contrario di quato possa sembrare, non è ingrediente semplice da usare in pasticceria, basta poco per rovinarla e creare una crema eccessivamente amara o eccessivamente pastosa.

Un gusto spettacolare: una delicatissima crema al burro alla nocciola, per nulla stucchevole, accompagnata da una salsa alla nocciola e delle nocciole caramellate e ricoperte di cacao. Il contrasto con il sapore della sfoglia era fantastico e tutti i sapori, con i vari livelli di dolce e amaro si sposavano alla perfezione. Ne avrei volentieri mangiata un altra ma ho preferito cambiare per poter scoprire gli altri abbinamenti.

Quindi ho ripiegato sulla versione Hana-bi

Cremoso al cioccolato Valhorna 70% e “fuochi d’artificio”. Per chi ama il cioccolato fondente, quello vero, questa versione è un must. Amaro al punto giusto e, ancora una volta, per niente stucchevole.

Ecco anche la versione Verde: pistacchio, te verde e amarene… a dir poco fantastica!

Dopo una pausa passata a scambiare qualche parola con alcuni presenti, ho continuato con l’ultima versione dolce: l’occhio di drago!

Crema pasticciera, lamponi e lychee (o litchi).. una esplosione di dolcezza e freschezza!

Un bicchiere di prosecco e poi via, all’assalto delle versioni salate: Baccalà Mantecato, Seppie Marinate e Carbonara.

Avrei voluto mangiarle tutte ma davvero non ce la facevo più e così ho scelto solo la versione Carbonara

Qui abbiamo raggiunto davvero l’apoteosi: delle sfoglie sottilissime e croccanti, immerse in una salsa all’uovo e pecorino e, sul fondo, tanto guanciale croccante.

Ecco anche la meravigliosa versione al Baccalà Mantecato: una delizia per il palato ma anche per gli occhi

Insomma è stata davvero una bellissima esperienza e una serata davvero piacevole, grazie anche alla meravigliosa organizzazione di Food Confidential di Nerina Di Nunzio.

Se capitate a Roma, o se siete di roma ma non ci siete mai stati, fate visita alla pasticceria De Bellis, rimarrete sicuramente colpiti dalla qualità e potrete gustare una millefoglie favolosa preparata direttamente davanti a voi!

Pasticceria De Bellis – Piazza del Paradiso 56/57 – 00186 Roma
Martedi-Venerdi: 12:00 – 0:00
Sabato: 10:00 – 0:00
Domenica: 10:00 – 20:00
Per altre info su questo ed altri eventi: 
IL TUO CARRELLO
//
Il carrello è vuoto

Se vuoi acquistare qualche corso o corso online:

Clicca qui per l'elenco dei CORSI ONLINE

Clicca qui per l'elenco dei CORSI IN PRESENZA in tutta italia
0
//